Giovanna<br/>Montera

Giovanna Montera

Chief Marketing Officer, Viralbeat

Su cosa si basano i miei insegnamenti?

L’essenza del mio insegnamento? È racchiusa in questa frase che campeggia anche sul mio profilo LinkedIn: "Business isn't about money or numbers, it's about people”. 

Il business come effetto di relazioni tra persone è un concetto in cui credo fermamente e che a mio avviso, se perseguito come ricerca di relazioni oneste, giuste e positive, potrebbe avere un impatto forte e straordinario sul nostro sistema economico.

Ecco cosa ho scoperto.
La mia scoperta è avvenuta con il tempo, è una consapevolezza più che una scoperta, maturata negli oltre dieci anni di lavoro nell’ambito del digital marketing: per fare bene in questo ambito ci vuole empatia
 

L’empatia è quella “capacità di porsi in maniera immediata nello stato d'animo o nella situazione di un'altra persona” che ci consente di dare al nostro interlocutore, che sia un cliente dell’agenzia o un influencer con cui entriamo in contatto per una campagna di digital PR, esattamente le cose di cui ha bisogno, senza perdite di tempo e senza arrecare fastidi.

Il mio insegnamento quindi potrei riassumerlo così: bisogna comprendere con le emozioni ciò che il nostro interlocutore desidera, ciò che vorrebbe da noi.
È innanzitutto una questione di sensibilità e buon senso ma un’attenta e costante osservazione delle dinamiche social(i) può allenare questo “fiuto”. 

 

Cosa ti propongo di nuovo?
L’innovazione consiste nel parlare di marketing, e quindi di mercato, prodotti e marche, con voce umana ovvero far sentire al nostro interlocutore, consumatore o influencer, che siamo dalla sua parte perché in grado di comprendere le sue esigenze e desiderosi di valorizzare le sue passioni.

 


Cosa ho capito di questo mestiere?
La mia è insieme una ricerca personale e professionale: ho cercato di applicare al mio lavoro la mia visione del mondo fatta di relazioni positive, orizzontali e cooperative.
Ovviamente vedere i frutti di questo approccio al lavoro, e in particolare nel lavoro delle digital PR, mi ha convinta sempre più della centralità delle relazioni nel mercato. 

È tuttavia una ricerca ancora in corso, considerando la velocità con cui mutano gli scenari della comunicazione on line, approcci e strumenti. Anche se a volte inseguire affannosamente le trasformazioni può farci sentire stanchi, questo è anche il sale del nostro lavoro! Come avremmo fatto a fare le digital PR in assenza di Instagram? Sarebbe stato tutto molto più noioso :)  

 


Ti spiego come sono arrivato dove sono oggi.
Non amo parlare delle mie gesta eroiche anzi ti dirò che questa tendenza degli ultimi anni al personal branding più spinto, questa corsa a mettere in piazza (o nel cortiletto?) le proprie gesta in ambito professionale mi annoia molto; di base preferisco le persone umili, quelle che pensano di dover sempre imparare e non quelle convinte di poter insegnare mostrando agli altri i propri successi. Ma se devo raccontarti la mia storia ti dico che sono stata tra le prime persone in Italia a gestire una campagna di digital PR insieme al team di comunicazione più sovversivo e innovativo che c’era in quel momento in Italia. Era il lontano 2005, il cliente era SAIWA, il prodotto Fonzies. Ci hanno dato fiducia. 

Ci divertivamo tantissimo, abbiamo dovuto creare da zero un metodo che all’estero era forse già consolidato, sicuramente più sperimentato che nel Bel Paese. All’epoca non si parlava di digital PR ma di viral marketing, penso l’etichetta più odiata negli anni successivi dalle agenzie di digital marketing.

La ricerca dell’eccellenza e della performance ci ha spinti verso una metodologia sempre più chiara e sempre più efficace. Avendo gestito per anni le operazioni della agenzia in cui lavoro, ho all’attivo centinaia di campagne di digital PR ed è un tipo di attività cui, per naturale predisposizione, sono particolarmente legata. Per questo motivo ne ho sempre seguito gli sviluppi nel tempo. 

Oggi mi occupo del marketing della azienda in cui lavoro, Viralbeat, ed è una dimensione, quella del mio ruolo, molto congeniale alla mia natura aperta e instancabile. 

 

Il mio Invito personale.
Il mio pragmatismo si tradurrà certamente in un corso in cui apprendere, con case study ed esempi pratici, come fare le digital PR tuttavia mi sforzerò soprattutto di trasmettervi quelle skills relazionali che per me sono fondamentali non solo per fare digital PR ma per tutte le attività di marketing on line! 


Docente del Master Online in Digital Marketing [ottobre 2016 - marzo 2017]

Le aziende che ci hanno scelto

Partner