Roberta<br/>Rapicavoli<br/>

Roberta Rapicavoli

Avvocato esperto in privacy e diritto informatico

Su cosa si basano i miei insegnamenti?
Sono un avvocato e quindi il binario che seguo per svolgere la mia professione - sia nelle attività giudiziali che in quelle stragiudiziali, sia nelle attività di consulenza sia in quelle di formazione -  è quello tracciato dalla normativa. 
 

Allo stesso tempo, però, dato che mi dedico al settore della privacy, del diritto informatico, del diritto applicato ad internet ed alle nuove tecnologie, sono chiamata a seguire costantemente un secondo binario, quello tracciato dalla continua evoluzione tecnologica e dalle soluzioni offerte dall’ambito digital.
 

Un doppio binario, quindi, quello che percorro quotidianamente per poter assistere chi vuole essere presente online con la propria attività, chi progetta ed avvia iniziative di digital marketing, chi sviluppa applicativi web e mobile, chi utilizza i canali social per la gestione della propria clientela, chi vuole sfruttare le tecnologie nelle proprie aziende e trattare i dati personali nel rispetto della normativa. 


Ecco cosa ho scoperto.
Il mondo digital offre strumenti e tecnologie che cambiano molto velocemente e spesso il diritto non ha la stessa capacità di reazione. 
 

Questo non vuol dire che il web e gli strumenti digitali costituiscano una zona franca per il diritto e spetta a chi ha coltivato le necessarie competenze ed esperienze chiarire alle imprese e a chi intende fare business attraverso i nuovi canali e le nuove tecnologie come poter operare senza violare la normativa.

 

Cosa ti propongo di nuovo?
Applicare la legge nel mondo digital non sempre è semplice perché, da un lato, ci sono molteplici normative di settore che talvolta si sovrappongono individuando diversi obblighi, dall’altro occorre conoscere gli strumenti e le tecnologie con cui si intende svolgere l’attività per capire se e come sono regolamentati dal diritto. 
 

Si rende pertanto necessario un approccio concreto che consenta di tradurre i principi e le regole prescritti dalla normativa in indicazioni pratiche che consentano di definire fin dall’inizio gli aspetti di rilievo per impostare l’attività che si intende avviare in linea con la normativa.

 

Ti spiego come sono arrivato dove sono oggi.
Mi sono laureata in giurisprudenza a Catania e ho subito iniziato il periodo di pratica forense in uno studio legale di diritto civile della mia città.
 

L’amore per il diritto e la curiosità e l’interesse per il settore del web e dell’informatica mi hanno spinto a frequentare un master di primo livello in “Diritto delle tecnologie informatiche”, organizzato dall’Osservatorio CSIG di Messina, e ad approfondire le tematiche attinenti al diritto informatico ed alla privacy.
 

Appena abilitata alla professione forense, proprio per coltivare la passione per il diritto informatico e per la privacy, mi sono spostata in Toscana e ho iniziato una collaborazione con uno studio legale specializzato nel settore.
 

Negli anni ho maturato sempre maggiore esperienza sul campo nelle materie della privacy, del diritto informatico e nel diritto applicato ad internet e alle nuove tecnologie e ho creato una strada tutta mia, che mi consente, oggi, di svolgere l’attività professionale prestando consulenza su questioni di vario genere attinenti alle materie di mia competenza a professionisti, startup, PMI e società medio-grandi, svolgendo corsi di formazione e partecipando quale relatrice ad eventi organizzati in tutto il territorio nazionale su tematiche attinenti alla privacy e sulle questioni di maggior interesse riguardanti il rapporto tra diritto e ICT.


Cosa ho capito di questo mestiere?
Per operare nel settore cui ho deciso di dedicare la mia attività professionale occorre un costante aggiornamento, non solo in ordine alle novità e modifiche introdotte dal legislatore, ma anche in relazione alle nuove tecnologie e ai nuovi strumenti legati all’ambito digital.
 

Non sarebbe possibile, altrimenti, comprendere fino in fondo le esigenze manifestate da chi svolge la propria attività online o utilizza strumenti e tecnologie innovative, trovare soluzioni e proporre strategie che consentano di sfruttare al meglio i canali offerti dall’innovazione senza violare la normativa di settore.
 

L’esperienza mi ha quindi portato a preferire e scegliere, sia nell’attività di consulenza sia in quella formativa, un approccio quanto più concreto possibile, l’unico che – a mio avviso – consente di parlare di diritto a chi opera quotidianamente nel settore del digital e si confronta con le sfide legate al continuo cambiamento delle logiche e degli strumenti con cui è possibile impostare e gestire la propria attività nel web e nei social. 

Le aziende che ci hanno scelto

Partner