Simone<br/>Giomi

Simone Giomi

User Experience Designer

Su cosa si basano i miei insegnamenti?
La User Experience è una disciplina tanto importante quanto ancora poco compresa e non di rado equivocata. Nel tempo ho capito che il misunderstanding è dovuto a due motivi. Il primo: la UX non è mai “una cosa sola” ma al contrario il risultato dell’applicazione di competenze interdisciplinari. Il secondo: curare l’esperienza utente significa imparare una metodologia di progettazione, un modo di fare design che mette al centro la persona e non aggiungere una semplice skill al proprio bagaglio professionale. Per questo un punto fermo delle mie lezioni è descrivere attraverso concetti teorici, esempi pratici e casi studio tutte le possibili sfaccettature (e sono davvero tante) di una disciplina da cui oggi chi lavora nel digitale non può più prescindere.


Ecco cosa ho scoperto.

Segreto numero 1: chiunque può fare (un po’) di user experience. Non sempre è necessario conoscere tutte le tecniche e i tool che la compongono. Quello che conta è comprendere i principi fondamentali del design centrato sull’utente, il resto molto spesso viene da sé.
 

Segreto numero 2: la user experience è un mix di design e comunicazione e spesso si nasconde nella cura di tanti micro dettagli che nel loro insieme contribuiscono a realizzare un’esperienza d’uso comprensibile e memorabile.
 

Segreto numero 3: UX è facilità d’uso ma soprattutto piacevolezza nello svolgimento delle interazioni e nel raggiungimento degli obiettivi. Le persone non desiderano solo intuitività e immediatezza, ma anche gusto estetico e “felicità” durante l’utilizzo.


Cosa ti propongo di nuovo?

Un approccio mirato a trasmettere i principi e i concetti fondamentali della disciplina unito ad un taglio pratico che permetta ai partecipanti di applicare da subito le conoscenze acquisite. Le mie lezioni sono pensate per mettere in grado chi ascolta di iniziare a lavorare sui progetti (e vedere il mondo) con gli occhi dello user experience designer. L’obiettivo finale è fornire un pacchetto di conoscenze composto da principi teorici e trucchi del mestiere, per consentire a tutti di fare UX nel lavoro (e nella vita!)


Ti spiego come sono arrivato dove sono oggi.

Ho scelto di studiare comunicazione all’Università di Siena con l’obiettivo di diventare un esperto di mass media, marketing e pubblicità. Ad un certo punto nel piano di studi del triennio di specializzazione ho scoperto materie come “psicologia cognitiva” e “interazione uomo-macchina": è stato amore (e tradimento!) a prima vista. Dopo la laurea mi sono trasferito a Milano per mettere finalmente in pratica i concetti della user experience, disciplina che al tempo predicava nel deserto. Ho lavorato come interaction designer in Assist Spa, una della prime agenzie italiane focalizzate sulla user experience accumulando esperienza della progettazione e nella valutazione di interfacce digitali
 

Nel 2011 ho fatto ritorno in Toscana iniziando la mia avventura da freelance e docente. Attualmente svolgo consulenze per aziende e corsi aziendali e per istituti professionali di design digitale (sono docente allo IED di Firenze). Insieme a Jacopo Pasquini nel 2014 ho scritto il libro Web Usabiliy, edito da Hoepli. Sempre con Jacopo, sotto il nome di UXBoutique ce ne andiamo in giro per l’Italia a svolgere corsi di UX e usabilità. Tengo spesso incontri e workshop sul tema della progettazione centrata sull’utente, nel 2015 sono stato speaker in occasione del World Usability Day di Roma.

 

Cosa ho capito di questo mestiere?

Quando svolgo consulenze mi trovo più spesso di quanto potessi immaginare a spiegare a clienti e colleghi cosa sia davvero la user experience. Quando faccio lezione mi accorgo quanto sia efficace raccontare ai partecipanti casi studio ed episodi di vita lavorativa. Ne deduco che nel campo della user experience la consulenza e la docenza sono due facce della stessa medaglia che si alimentano a vicenda. E questa conclusione mi meraviglia ogni giorno di più.

 

Il mio invito personale.

C’è solo una cosa migliore del design: il design centrato sulle persone. Scoprire la user experience significa capire come pensano, scelgono e vivono le persone per le quali progettiamo artefatti digitali. L’esperto di user experience non è un tecnologo o un appassionato informatica, ma un attento osservatore e ascoltatore del modo di comportarsi delle persone. Conoscete qualcosa di più affascinante? :)

Le aziende che ci hanno scelto

Partner