Hai mai pensato a quanto sarebbe bello starsene distesi in riva al mare, prendendo il sole su una spiaggia caraibica, mentre qualcun altro fa il lavoro al posto tuo? Ecco, la marketing automation è ciò che potenzialmente ti permetterebbe di farlo.

Nella vita reale, però, invece che sorseggiare drink sotto il sole tropicale, grazie alla marketing automation starai comunque lavorando, ma concentrandoti su azioni realmente significative e strategiche, invece che noiose, banali e ripetitive come le operazioni di routine. Non ci credi? Continua a leggere e scoprirai come la marketing automation ti permetterà di semplificare e automatizzare moltissime attività e flussi di lavoro del tuo dipartimento.

Vuoi imparare come usare la Marketing Automation nel tuo business?

Prova gratis la demo del nuovo corso Martech Wizard di Ninja Academy.

Cos’è la marketing automation

La marketing automation è un processo attraverso cui è possibile compiere azioni ripetitive di marketing digitale in modo automatizzato. Solitamente le attività che vengono automatizzate hanno come obiettivo quello di raccogliere lead, inviare messaggi personalizzati, gestire i social media, personalizzare le interazioni con il proprio sito, adattare i contenuti rispetto al target o generare comunicazioni automatiche al fine di far convertire gli utenti: rendere autonome queste iniziative senza l’intervento manuale dei marketer è ciò che permette alle aziende di risparmiare tempo e sforzi e scalare più rapidamente.

Inoltre, utilizzare la marketing automation per la personalizzazione delle comunicazioni indirizzate al tuo target crea un vantaggio anche agli stessi consumatori: avranno immediatamente e in bella vista i messaggi a loro più vicini, che colpiscono i loro interessi e che potrebbero davvero essergli utili, senza essere travolti da informazioni di poco conto per loro e rendendo più facile e immediato anche il percorso di acquisto.

Grazie all’automation inoltre tutte le campagne di marketing online possono essere ottimizzate facilmente: monitorando le azioni e valutando l’interazione per ogni attività, capire cosa funziona di più e che tipo di personalizzazione genera conversioni è immediato e permette alle azioni future di essere migliorate al fine di raggiungere i propri obiettivi in modo più rapido ed efficiente.

In poche parole, con questa strategia i canali di marketing più importanti possono operare più velocemente grazie alle automazioni, semplificando notevolmente anche la misurazione delle prestazioni degli stessi. Inoltre, tutte le principali piattaforme di automazione hanno la capacità di integrarsi con gli strumenti di vendita e di marketing in modo tale da diventare dei veri centri di gestione e analisi dei dati aziendali.

marketing automation

Come funziona la marketing automation

Partiamo dall’idea che sai quali azioni vorresti che il tuo target compisse e quali azioni invece in generale gli utenti intraprendono sul tuo sito. Non riesci però a sapere quali azioni compiono persone specifiche. Con la marketing automation questo è possibile: invece di inviare migliaia di email generiche a tutto il database contatti sperando che una percentuale di questi clicchi e altri acquistino, è possibile creare campagne interconnesse per coinvolgere singoli lead o prospect più o meno vicini alla fase di acquisto. In questo modo è possibile creare in modo più facile campagne che aiutano ad acquisire nuovi clienti, fidelizzare quelli esistenti, coinvolgere nuovamente quelli dormienti o trovare opportunità di cross selling e upselling a coloro che hanno già acquistato.

In pratica, invece di inviare campagne email in massa, è possibile attraverso l’automation inviare messaggi personalizzati e mirati a seconda del cliente che vuoi coinvolgere.

Funzionalità e campi di applicazione della marketing automation

Una volta stabilito che l’automation può portare notevoli vantaggi ai marketer rendendo automatiche azioni ripetitive che altrimenti dovrebbero svolgere manualmente, ecco alcuni campi di applicazione nei quali diventa ormai indispensabile.

Email marketing

Oltre ad aiutarci nell’invio delle più classiche email transazionali, come quando viene completato un ordine o un utente si registra alla newsletter, la marketing automation ci permette di inviare in modo automatico dei messaggi personalizzati a seconda delle azioni compiute dai nostri utenti.

Qualche esempio? Un utente che riceve una email promozionale e non la apre, potrà riceverla dopo qualche giorno con un oggetto diverso, che magari lo spingerà ad aprirla. Oppure un utente che clicca su una categoria merceologica su un sito eCommerce, potrà ricevere una comunicazione personalizzata con i nuovi arrivi di quella categoria.

marketing automation

Attività di CRM

Di solito tutti i software di marketing automation permettono non solo di gestire le relazioni con i clienti, ma anche scoprire numerose informazioni sul nostro target grazie a segmentazioni più o meno avanzate.

Questo grazie alla raccolta dei dati non solo demografici, ma anche di comportamento: ad esempio sarà possibile scoprire quali sono i clienti più attivi, quelli che non leggono più le nostre comunicazioni, ma anche quelli che amano passare più tempo sul nostro sito.

Contenuti dinamici

Partendo dal presupposto che la personalizzazione delle comunicazioni è ciò che aiuta notevolmente la conversione degli utenti, la marketing automation in questo può essere davvero indispensabile grazie ai contenuti dinamici che personalizza in base al contatto a cui viene inviato.

No, non ci riferiamo solo al semplice nome destinatario quando inviamo una email, ma a personalizzazioni avanzate come, ad esempio, alla possibilità di mostrare contenuti in base al meteo della località in cui l’utente apre la mail, oppure alla possibilità di mostrare un blocco della home page del nostro sito diverso a seconda dei gusti di chi lo guarda.

Lead Nurturing

A proposito di contenuti dinamici, la marketing automation è perfetta per aiutarti nelle azioni di lead nurturing, cioè quelle attività che ti permettono di mantenere dei lead “caldi” e attenti sul tuo prodotto.

Come? Inviando messaggi di comunicazione in modo continuativo e strategico affinchè i tuoi nuovi lead, ovvero i tuoi nuovi contatti, possano conoscerti meglio e ricevere informazioni utili per loro, fino a convincersi a convertire.

Pipeline di vendita

Oltre ai processi di marketing, i software possono aiutare anche i funnel di vendita, ad esempio monitorando facilmente i progressi, ma anche supportando i venditori a contattare i clienti presenti nelle fasi più vicine alla conversione o inviando offerte solo a coloro che necessitano di un incentivo economico per concludere l’acquisto.

Reportistica e analisi

Last but not least, l’automazione può offrirti non solo una visione analitica rapida e immediata, ma anche rapporti più approfonditi sugli aspetti che per te contano di più. Ad esempio può aiutarti a capire quali sono i canali di marketing con un maggiore rendimento, quali campagne hanno il ROI migliore, può aiutarti a calcolare i costi delle singole campagne, a sincronizzare e duplicare i dati degli utenti, a tracciare ogni singolo contenuto e ad aiutarti a capire quale azione di content marketing possono funzionare di più in relazione al target.

marketing automation

I vantaggi della marketing automation

Anche se le attività di marketing automation possono senza dubbio cambiare da azienda ad azienda, quello che resta indubbio è che è una attività utile per ogni realtà e organizzazione, tanto da essere diventata negli anni uno dei punti fermi del marketing digitale.

Quindi, ad alto livello, i software di automazione possono aiutarti a:

– aumentare i tassi di conversione: le iniziative di marketing vengono presentate ai clienti giusti, aumentando chiaramente le possibilità di chiudere una vendita;
– aumentare la produttività: grazie alle azioni di marketing automatizzato, i dipendenti potranno concentrarsi su operazioni più importanti, rendendo il loro lavoro più interessante e quindi portandoli ad aumentare la loro felicità e produttività;
– semplificare i flussi di lavoro: grazie alla centralizzazione del database, alla raccolta di informazioni da più software e agli analytics, tutti i flussi del marketing saranno più chiari e ordinati. In alcuni casi e con sistemi più avanzati, è addirittura possibile organizzare la pianificazione e il budget di tutte le attività;
– migliorare i rapporti con i clienti: con comunicazioni personalizzate, gli utenti si sentiranno coccolati, ascoltati e pertanto la loro fidelizzazione migliorerà, così come la relazione che hanno con il tuo brand;
– migliorare la tua risposta alle esigenze di mercato: grazie all’analisi delle azioni dei tuoi clienti, sarà più facile anche capire le esigenze in continua evoluzione dei tuoi utenti e del mercato e, di conseguenza, prepararsi a rispondere in tempi veloci e utili;
– velocizzare il ROI: con tutte queste attività elencate, è chiaro che il ritorno dell’investimento per un software di marketing automation arriverà in modo rapido rispetto a molte altre iniziative di marketing.

Come funziona l’automazione del marketing

1. Definisci i tuoi obiettivi: cosa vuoi ottenere dalla marketing automation? Scrivi un elenco di risultati che vuoi raggiungere, ad esempio avere uno strumento analitico che ti permetta di conoscere i tuoi utenti oppure inviare comunicazioni personalizzate ai nuovi lead.

2. Studia il tuo pubblico: il software di automation ti aiuterà a conoscere nel dettaglio i tuoi clienti, ma è bene che prima sia tu stesso a sapere chi sono i tuoi consumatori principali. Sapere in anticipo chi è il tuo target, ti aiuterà a capire prima quali attività di automazione e quali dati dovrai raccogliere.

3. Individua il software di marketing automation più utile per te. Comincia automatizzando azioni che già esistevano: questo ti consentirà di prendere confidenza con il software e utilizzarlo per strategie di cui già conoscevi i risultati svolti in modo manuale. Riuscirai ancora di più a percepirne i vantaggi e a comprendere il grado di ottimizzazione nelle tue iniziative di marketing.

4. Implementa le azioni automatizzate step by step: evita di mettere in piedi da subito azioni automatizzate massive, ma invece preferisci piccole operazioni da monitorare volta per volta. Questo perchè ad ogni campagna di marketing, il software imparerà a conoscere sempre di più i tuoi consumatori e questo ti aiuterà a ottimizzare le campagne seguenti.

5. Rendi umana l’automation: cerca di fornire sempre una esperienza personalizzata e più umanizzata possibile. Questo potrai farlo soprattutto studiando contenuti diretti e adatti al tuo target, ma anche impostando automazioni che avvengono in momenti del funnel preciso.

6. Fai test: non fermarti a mandare comunicazioni personalizzate, ma testale. In questo modo l’ottimizzazione sembrerà un passaggio senza fine, ma ti porterà davvero a definire la formula magica più adatta per il tuo business.

7. Monitora i progressi: misura sempre i risultati e l’efficacia delle azioni messe in piedi oltre a controllare sempre le prestazioni rispetto alla concorrenza.

marketing automation

Principali funzioni di un software di marketing automation

Come ogni cosa, non esiste un solo software di marketing automation, ma sicuramente è importante scegliere quello più adatto alle proprie esigenze. Per farlo, è importante mettere a confronto le principali funzionalità che i software di marketing automation hanno.

Database centrale: è importante che sia stabile e chiaro

Qui infatti confluiranno tutte le informazioni e i dati che porteranno poi a scaturire diverse tipologie di azioni. è il cuore del software dove vengono archiviati i comportamenti degli utenti e dove il software impara a conoscere il target per segmentarlo in tanti cluster differenti.

Motore di coinvolgimento

In pratica è ciò che permette ai marketer di impostare azioni automatiche. Ad esempio inviare email, personalizzare porzioni di sito web e molto altro. Più operazioni permette di compiere il motore di interazione, più sarà facile inventarsi nuove campagne e strategie per coinvolgere il proprio target.

Capacità di profilazione e segmentazione

Oltre a raccogliere i dati nel database centrale, i software di marketing automation devono permettere ai professionisti del marketing di segmentare in modo rapido ed efficiente i loro utenti in modo sia statico che dinamico. Le capacità di raggruppamento dei clienti possono essere infinite: possono riguardare i loro dati demografici, i loro interessi, ma anche i loro comportamenti.

Capacità di integrazione

Ogni software di marketing automation dovrà necessariamente integrarsi con numerosi software già presenti in azienda, ad esempio quelli di vendita, di analisi, di crm e molto altro. è importante valutare quindi sistemi con grandi capacità di adattabilità per l’integrazione in modo tale da rendere il passaggio dei dati il più fluido possibile.

Analytics

Importante, anzi fondamentale, è che il software offra analisi mirate e sistemi di reportistica modificabili e dettagliati, affinché ogni azione possa essere misurata e analizzata in profondità.

I limiti della marketing automation

Anche se la marketing automation è senza dubbio una attività da mettere in campo per tutte le organizzazioni, presenta anch’essa dei limiti o, più correttamente, è importante che non venga considerata come l’unica strategia di marketing da mettere in piedi.

Automatizzando infatti eccessivamente il marketing, si rischierebbe non di ottimizzare il rapporto con i clienti, ma di lasciarli gestire totalmente da un software, perdendo completamente il contatto con loro. È quindi fondamentale che alla marketing automation siano lasciate le attività più ripetitive e che non hanno bisogno di un intervento da parte dei marketer, ma che i contenuti, le strategie, e anche alcune tipologie di interazioni siano lasciate all’intervento umano così da non perdere la sensibilità al prodotto, al mercato e al cliente dell’azienda.

Vuoi dare i superpoteri al tuo business con la Marketing Automation?

Prova gratis la demo del nuovo corso Martech Wizard di Ninja Academy.