Un brand senza una presenza digitale è come una macchina senza pneumatici. Non va da nessuna parte. Anche se il branding “analogico” vecchio stile non è morto del tutto, le aziende oggi hanno bisogno di una serie diversificata di strumenti di digital branding per cementare la loro presenza nel mondo reale, tanto online quanto offline.

Dai social media alla SEO, dall’influencer marketing alle email, tutto concorre al branding digitale, ma è bene partire dal principio e capire innanzitutto cosa si intende per digital branding, un argomento approfondito in modo dettagliato e analitico nel Corso Brand Stylist di Ninja Academy, dedicato a questo aspetto così cruciale del Digital Marketing.

Che cos’è il branding?

Il branding è il processo creativo e strategico per spiegare ai potenziali clienti che cos’è la tua azienda: chi sei, a cosa tieni, perché dovrebbero fare affari con te e cosa possono aspettarsi. Dopo aver avviato un’attività o creato il primo prodotto, bisognerebbe sempre costruire un’identità di marca chiara e distintiva.

Il branding distilla tutto ciò che riguarda quello che l’azienda fa e come lo fa in un’essenza unica e memorabile che le persone ricorderanno e assoceranno continuamente al brand.

Pensa, ad esempio, agli archi dorati di McDonald’s o agli anelli multicolore delle Olimpiadi. Anche un semplice simbolo o immagine può trasmettere associazioni significative che risuonano in tutto il mondo.

Il branding è costruito sulla base della brand identity e include il logo, i colori, il packaging, il copy e tanto altro ancora.

Ciò di cui abbiamo parlato sono le tre “B” che dovresti sempre tenere presenti: brand, branding e brand identity. Sono tutti concetti correlati, ma non significano esattamente la stessa cosa:

– il brand è il modo in cui il mondo esterno percepisce la tua azienda;
– il branding è il processo di progettazione e costruzione di una marca unica e memorabile;
– la brand identity è l’insieme degli elementi creativi che alimentano il processo di branding (sito web, logo, social media etc.), i quali trasmettono il messaggio, i valori e lo scopo dell’azienda.

Queste tre B devono lavorare tutte insieme. Non si ha, infatti, una vera marca senza una brand identity e non si avrà mai una marca finché non si inizia a fare branding.

Inizia a definire, quindi, la tua marca ponendoti queste domande:

  • Chi sei come azienda?
  • Cosa ti rende unico rispetto agli altri marchi?
  • Qual è la mission della tua marca? Cosa le dà uno scopo?
  • Quali sono i tuoi valori?
  • Chi è il tuo cliente ideale?

Sapere e definire esattamente chi sei è il primo passo per creare un brand significativo.

>> Scopri gli step fondamentali del digital branding con il Corso Brand Stylist

Che cos’è il Digital Branding?

Il digital branding è il modo in cui disegni e costruisci il tuo brand online attraverso siti web, app, social media, video… E consiste in una combinazione di marketing digitale e internet branding per sviluppare una marca online.

Perché la presenza di una marca digitale è importante?

Beh, alza lo sguardo da quel telefono che probabilmente stai usando in questo preciso istante… Tutti utilizziamo i nostri dispositivi costantemente. La maggior parte di noi entra in contatto con il mondo proprio attraverso la lente di internet, il che rende essenziale per i brand raggiungere i clienti target e convertire gli utenti una tantum in clienti fedeli a lungo termine.

Il branding digitale permette a qualsiasi azienda di far conoscere la sua presenza ovunque, direttamente dal palmo della mano. Dopo tutto, se tua madre ha un profilo Instagram, perché non dovrebbe averlo anche il tuo brand di scarpe preferito?

digital branding

Digital branding vs. digital marketing: quali sono le differenze tra marketing e branding?

Mentre il digital branding si concentra sul fornire valore e ispirare fedeltà e riconoscimento della marca, il marketing digitale è tutto incentrato sulla ricerca di nuovi clienti e sulla generazione di vendite.

La pubblicità ti viene proposta costantemente online, anche se non te ne accorgi. Questo è il marketing digitale quando lavora al suo meglio. Gli annunci potrebbero essere sotto forma di una celebrità di Instagram che promuove il suo trucco preferito o di un coupon pop-up su un sito web.

A differenza degli annunci tradizionali, il digital branding non ti parla direttamente; cerca invece di impegnarsi con te. Si tratta di stabilire una identità online e dei sentimenti positivi da parte delle persone nei confronti del brand, piuttosto che ispirarle a fare un acquisto una tantum.

I benefici del Digital Branding

Una solida presenza digitale fa sentire i clienti personalmente coinvolti con un’azienda o un prodotto. Un branding ben fatto favorisce le relazioni con gli utenti e permette di parlare direttamente con i consumatori attraverso le interazioni quotidiane sulla rete e sulle piattaforme che stanno già utilizzando.

La presenza online della tua azienda, quindi, è la prima modalità con cui la maggior parte dei potenziali clienti conoscerà e interagirà con la tua marca. Il digital branding ti permette di individuare il tuo pubblico, mirando a specifici gruppi di clienti attraverso le piattaforme online che usano più frequentemente: Twitter, Facebook, Instagram e altre.

Un branding digitale di successo fa sentire i clienti come se tu stessi parlando direttamente con loro, specialmente perché ti stai impegnando sulle stesse piattaforme che usano per interagire con amici e familiari.

Sii personale e significativo: sarà così che convertirai i clienti una tantum in seguaci della marca per tutta la vita. Il digital branding facilita infatti la comunicazione tra un’azienda e i suoi clienti.

Per questo, ad esempio, dovresti rendere facile per i clienti trovare informazioni sulla tua azienda sul tuo sito web, o aiutarli a ottenere rapidamente un ottimo servizio clienti. In definitiva, una marca che non è ricercabile online praticamente non esiste nella mente del consumatore contemporaneo.

Ci sono anche benefici terziari del branding digitale, come il potenziale di “diventare virale” o di raggiungere un pubblico di massa in un breve periodo di tempo a costi minimi o nulli.

Oltre l’80% delle persone fa ricerche online su un’azienda prima di visitarne il negozio fisico per fare un acquisto. Questo significa che rischi di perdere circa il 70-80% dei nuovi clienti se la tua azienda non viene trovata online.

Quindi, è estremamente essenziale capire le esigenze dei tuoi clienti e potenziali clienti, in modo da poter dare loro ciò che vogliono.

Ma, come ampiamente dimostrato con esempi e case studies all’interno del Corso Brand Stylist di Ninja Academy, ci sono anche un’altra serie di ragioni per fare digital branding:

– il branding digitale aiuta a mantenere un vantaggio competitivo e permette al tuo business di stare davanti alla concorrenza;
– la costruzione della marca permette di convertire i clienti una tantum in clienti fedeli alla marca;
– le persone prendono meno in considerazione le aziende che non si trovano online;
– le aziende perdono fiducia se non sono in grado di rispondere alle domande dei clienti sui canali sociali;
– il digital branding segue un approccio multicanale per migliorare la presenza del business su tutti i canali dove sono presenti i clienti.

digital branding

Digital branding per siti web, eCommerce e shop online: da dove iniziare

Passo #1: Identificare e creare il tuo cliente ideale (Buyer Personas)

In questa fase, è necessario rispondere alle seguenti domande:

– Chi sono i tuoi clienti?
– Quali sono i loro bisogni esatti?
– Dove sono presenti?
– Come si impegnano?
– Qual è la loro modalità preferita di acquisto?
– Quando acquistano?
– Quali sono le loro abitudini di acquisto?

In breve, è necessario mappare un viaggio completo delle fasi di acquisto in modo da essere consapevoli delle esigenze dei potenziali clienti e di ciò che faranno nella fase successiva.

Ecco alcuni passi che si dovrebbero seguire per creare una buyer persona:

– definire ampiamente i dettagli personali come la posizione, l’età, il sesso, gli interessi, il livello di istruzione, il titolo di lavoro, la lingua, la motivazione all’acquisto, il livello di reddito etc;
– usare Facebook Insights e Google Analytics Audience reporting per avere una migliore comprensione dei propri clienti;
– modellare le personas sulla base dei driver comportamentali e della mentalità percepita;
– condurre indagini sui clienti per identificare le informazioni rilevanti e creare delle personas sulla base dei dati raccolti, senza tirare a indovinare;
– testare continuamente i dati e continuare a ottimizzare le buyer personas.

Passo #2: Progettare un logo e un sito web

A) Design del logo

Un logo è un simbolo che rappresenta il tuo business, quindi i tuoi clienti dovrebbero essere in grado di identificare facilmente la tua azienda dal logo.

Un buon logo rappresenta la mission e i valori del brand, per questo segui queste regole di base quando progetti il tuo logo (o meglio, assumi un designer professionista):

– scegli i colori appropriati che corrispondono alla tua attività, alla tua personalità, al tuo settore e al tuo pubblico di riferimento;
– rendi il design del logo memorabile in modo che lasci un segno nella mente dei clienti;
– il logo deve essere bello (e comprensibile) in tutte le dimensioni, perché sarà usato su siti web, opuscoli, carta intestata, biglietti da visita, miniature dei social media etc;
– scegli un font ideale che corrisponda al settore e ai valori del tuo business. Se sei uno studio legale, stai lontano dal Comic Sans, per intenderci;
– non rendere il design complicato. Il pubblico medio dovrebbe essere in grado di riconoscere il tuo brand solo dal logo. Vuoi un esempio? Senza dubbio riconoscerai immediatamente questi loghi che, per la maggior parte, non hanno bisogno di alcun testo di accompagnamento:

– assicurati che il design del tuo logo si distingua dai concorrenti;
– un buon logo dovrebbe essere senza tempo e non influenzato dalle tendenze, che sono di breve durata. Il design del logo evergreen durerà negli anni. Apple, ad esempio, ha imparato molto presto questa lezione.

B) Design del sito web

Una volta che hai finito con il design del logo, è il momento di usarlo sul tuo sito web. Segui questi elementi essenziali di design per creare un sito super user-friendly:

– per coerenza, il tuo sito web dovrebbe avere lo stesso tema di colore del logo del brand, sarà rassicurante per il cliente, perché riconoscerà subito di essere nel posto giusto se vuole acquistare dal tuo e-Commerce;
– il design dovrebbe essere semplice ed elegante;
– la navigazione dovrebbe essere intuitiva, in modo che gli utenti trovino semplicemente tutto ciò che stanno cercando, ad esempio usando un menu hamburger nell’angolo in alto dello schermo, che andrà bene tanto per la navigazione da mobile quanto per quella da desktop;
– assicurati che il tuo sito segua una struttura di link facilmente comprensibile anche per i bot di Google, in modo da essere subito indicizzato;
– usa un colore contrastante per le CTA, in modo che siano facilmente visibili e guidino il massimo delle azioni degli utenti;
– rendi il sito responsive e correggi tutti gli errori, se ce ne sono;
– crea contenuti originali e convincenti per fornire valore ai visitatori e invogliarli a tornare;
– assicurati che il contenuto del sito sia indicizzabile dai motori di ricerca.

Passo #3: Rendere chiaro e coerente il messaggio del tuo brand

Ogni azienda ha bisogno di un messaggio di marca influente per mantenere un vantaggio sulla concorrenza. L’invio di un messaggio chiaro e coerente è ciò che è necessario per ottenere un solido messaggio di marca nella mente dei clienti. Questo, alla fine, aiuta a posizionare una marca con forza in qualsiasi nicchia.

Ecco alcuni consigli da seguire per “lucidare” il messaggio del tuo branding:

– condurre un’analisi della concorrenza e identificare i messaggi che i competitor stanno cercando di fornire;
– analizzare sempre i punti dolenti per i clienti e cercare di concentrarsi sulla soluzione nel messaggio del brand;
– il messaggio di un brand dovrebbe essere chiaro, in modo che le persone capiscano immediatamente cosa stai vendendo e perché è utile per loro;
– prendere ispirazione dai marchi di successo, senza copiarli.

Passo #4: Migliorare la presenza del brand online con la SEO

Non puoi trascurare il potere della SEO quando si tratta di branding digitale, specialmente nel caso delle piccole e medie imprese. Per ottimizzare il tuo sito web e la tua presenza commerciale sui motori di ricerca dovrai:

– Seguire le Webmaster Guidelines di Google durante la progettazione del sito web per aiutare Google a trovare, indicizzare e classificare il tuo sito;
– utilizzare il corretto schema di markup per descrivere il contenuto del tuo sito web;
– avere contenuti unici, autorevoli e coinvolgenti, che la gente ami leggere e condividere;
– adottare una struttura di navigazione pulita e responsive o mobile-first;
– aggiungere i meta tag appropriati su tutte le tue pagine per permettere ai motori di ricerca di capirne meglio il contenuto;
– usare link interni alle pagine importanti;
– usare le parole chiave nel testo Alt delle immagini;
– includere sinonimi di parole chiave nei tag di intestazione;
– ottimizzare le CTA per le conversioni;
– migliorare la velocità di caricamento delle pagine, in modo che il tuo sito funzioni anche con le connessioni internet più lente.

Passo #5: Utilizzare i social media per raggiungere più clienti

Semplicemente non puoi ignorare il potere e la portata dei social media. Come azienda, è fondamentale rimanere presenti sui principali canali social, perché questo è il luogo in cui il tuo pubblico ti cercherà per saperne di più sulla tua attività. Quindi, avere una buona visibilità del profilo è un requisito fondamentale per ogni azienda quando si tratta di branding digitale. Ecco alcune strategie da seguire per avere una presenza ottimizzata e potente sui social media:

– stabilire alcuni obiettivi sui social media per creare dei KPI (key performance indicators) per misurare i risultati;
– utilizzare piattaforme come Shopify per elencare i prodotti in modo nativo sui principali siti di social media. Questo ti aiuterà anche a vendere i tuoi prodotti direttamente su Facebook, Amazon, eBay, Instagram e altri canali popolari;
– condurre un’analisi competitiva in modo da essere in grado di determinare la presenza dei concorrenti;
– creare un calendario dei social media per organizzare e condividere post e offerte;
– creare e ottimizzare i profili sui principali canali social come Facebook, LinkedIn, Twitter, Pinterest, Instagram, Snapchat e YouTube, ma scegliere solo quelli che davvero consentono di raggiungere il tuo target di riferimento;
– sfruttare il potere delle immagini e dei video per generare più visibilità sui post;
– usare strumenti come Buffer, Hootsuite, IFTTT, BuzzSumo e Sprout Social per risparmiare tempo e fatica.

Passo #6: Fornire valore ai clienti

I clienti fedeli sono la risorsa più importante per qualsiasi azienda. Al fine di creare e coltivare clienti fedeli, è necessario fornire valore. Come fai a sapere quale tipo di contenuto è prezioso per il tuo pubblico di riferimento? Ecco alcuni modi per creare valore per i clienti:

– usare l’analitica predittiva per determinare di cosa hanno bisogno i tuoi clienti;
– identificare e segmentare i clienti per fornire loro un valore specifico;
– coltivare e costruire relazioni con i clienti impegnandoti in conversazioni a doppio senso con loro, attraverso email marketing, chat, social, servizio clienti;
– chiarire la proposta di valore, che è la ragione principale per cui qualcuno dovrebbe comprare da te;
– fornire raccomandazioni di prodotti rilevanti basati sulla storia di navigazione di un cliente;
– premiare i clienti fedeli con sconti e offerte;
– fornire un servizio clienti eccezionale (questo è un elemento che è difficile da dimenticare per il cliente);
– personalizzare il messaggio del brand, a seconda dell’esatta natura e del comportamento dei clienti, perché “le imprese che personalizzano le esperienze web vedono un aumento medio del 19% delle vendite”.

Fare Digital Branding con in testa il cliente

Il branding digitale è estremamente essenziale, soprattutto per le PMI. Ogni azienda sta cercando in questo momento di essere visibile con il suo e-Commerce o shop online. La cosa più importante che può fare il digital branding è quella di rendere la marca degna di fiducia agli occhi dei consumatori, superandone le aspettative.

Ogni canale di marketing ha il suo ruolo da svolgere nel successo di un brand, ma tutti i canali devono lavorare per fornire valore alle persone!

>> Scopri come progettare un digital branding vincente con il Corso Brand Stylist