La trasformazione digitale è una trasformazione completa. E, in quanto tale, comporta un’iniezione di tecnologia digitale praticamente in ogni aspetto di un’organizzazione, dei suoi processi di business e della sua cultura aziendale.

La trasformazione digitale cambia il modo in cui un’organizzazione opera e in cui si impegna con clienti e partner. È un processo estremamente impegnativo dal punto di vista dell’IT, ma è vitale per qualsiasi azienda che voglia rimanere competitiva. E questa trasformazione, oggi, sta accelerando. Solo l’11% dei dirigenti d’azienda intervistati da McKinsey crede che i propri attuali modelli di business saranno economicamente sostenibili fino al 2023, ed è facile capire perché il 64% di questi manager stia pensando di adottare una trasformazione digitale dell’impresa.

Il viaggio della trasformazione digitale, tuttavia, sta richiedendo in particolare alle grandi imprese almeno il doppio del tempo e il doppio dei costi di quanto originariamente previsto. In gran parte, secondo un recente report di Gartner, questo è dovuto alla scarsa preparazione culturale.

Non esiste, infatti, un piano generale per la Digital Transformation. È possibile creare la propria tabella di marcia, ma il viaggio è diverso per ogni business, a seconda del settore, delle esigenze aziendali, ma anche dei desideri dei clienti.

Come dimostrano i case study presi in analisi nel Corso Digital Transformer di Ninja Academy, esistono però alcuni elementi comuni nei casi di successo della trasformazione digitale. Ad esempio la volontà di sfidare lo status quo, di assumersi dei rischi e, occasionalmente, anche la possibilità di fallire. Se si esegue bene, è possibile trarre un enorme vantaggio dalla Digital Transformation, tanto nel breve quanto (soprattutto) nel lungo periodo.

>> Scopri come rivoluzionare il tuo business grazie al digitale con il Corso Digital Transformer 

Digital Transformation

Cos’è la Digital Transformation

Gli elementi chiave della Digital Transformation includono praticamente tutto, da specifici processi aziendali e nuovi modelli di business a una rinnovata enfasi sull’innovazione. Ma, soprattutto, portano la tecnologia in ogni attività aziendale per migliorare l’esperienza dei clienti, dei partner e degli altri stakeholder.

Certo, il termine trasformazione digitale può evocare immagini molto diverse per persone diverse. Alcuni potrebbero pensare di abbracciare strumenti di intelligenza artificiale nella gestione delle operazioni informatiche. Altri potrebbero supporre che significhi produrre senza più alcun mezzo analogico. Altri ancora potrebbero intendere l’uso di strumenti avanzati di analisi dei dati.

Ma gli strumenti tecnologici, l’analisi dei dati e i software sono i facilitatori della trasformazione digitale, non il processo stesso.

Un servizio digitale è una funzione o una capacità online che soddisfa un bisogno per un cliente, un partner digitale, un cittadino o
consumatore interno. E questa è una definizione da tenere bene a mente.

I benefici della trasformazione digitale

La ragione principale per cui molte organizzazioni perseguono oggi la Digital Transformation è la mera e semplice sopravvivenza. Il mondo sta diventando sempre più digitale e la trasformazione è spesso la chiave per rimanere competitivi e rilevanti.

Oltre a questo, però, altri benefici includono una maggiore velocità e agilità, una migliore efficienza e una migliore esperienza del cliente. E, per molte organizzazioni, la trasformazione digitale è un allontanamento su larga scala dai sistemi legacy che non servono più alle esigenze dell’azienda o le impediscono di scalare o crescere.

Vantaggi per l’IT e per l’organizzazione

Nonostante le sfide, la trasformazione digitale può essere un vantaggio anche per il reparto IT di un’azienda, fornendo ai professionisti la capacità di soddisfare una delle principali aspettative dell’organizzazione: che l’IT contribuisca ai profitti o al risparmio dei costi dell’organizzazione. Essere semplicemente una funzione di supporto, infatti, non è più sufficiente.

La trasformazione digitale può aiutare l’IT a essere un driver primario dell’innovazione e del successo del business, concentrandosi su nuove capacità.

Dal punto di vista dell’organizzazione nel suo complesso, uno sforzo di trasformazione digitale può incoraggiare la collaborazione e la comunicazione. Dopo tutto, una trasformazione digitale di successo coinvolge tutti. Questa maggiore attenzione alla comunicazione, alla collaborazione e al team building può essa stessa trasformare l’organizzazione e di conseguenza i suoi processi.

Digital Transformation

Digital Transformation per l’evoluzione delle imprese

Man mano che più organizzazioni hanno abbracciato la trasformazione digitale, è diventato evidente che possono essere necessari diversi approcci per diversi team o gruppi. Un approccio unico per tutti può essere controproducente. Gruppi diversi di dipendenti all’interno di un’organizzazione più grande possono avere culture e processi unici. Le iniziative di trasformazione digitale potrebbero quindi dover essere personalizzate all’interno di ogni gruppo.

Alcuni settori, poi, sono stati lenti ad adottare le nuove tecnologie, e questo ha ostacolato la loro capacità di innovare e servire meglio i clienti. D’altra parte, le organizzazioni leader utilizzano la trasformazione digitale per sconvolgere interi settori o modi consolidati di fare le cose, per innovare meglio e catturare quote di mercato. Gli esempi principali includono Uber e Amazon, che hanno rivoluzionato rispettivamente i modelli di business del trasporto e della vendita al dettaglio.

I trend della Digital Transformation

A partire dal 2019, la maggior parte delle organizzazioni erano già coinvolte in processi di trasformazione digitale e stavano riflettendo sulle sfide che li attendevano. Secondo la società di ricerca IDC, il 40% della spesa IT globale per queste iniziative si aggirava intorno a 1,18 trilioni di dollari nel 2019, con un aumento del 17,9% rispetto al 2018.

Tra le tendenze più seguite nel 2020, erano state individuate le seguenti:

– Adozione su larga scala di modelli di trasformazione digitale
– Aumento degli investimenti in tecnologie di intelligenza artificiale, come l’apprendimento automatico
– Aumento dell’adozione di applicazioni basate sul cloud
– Adozione di strumenti di analisi avanzata per migliorare il processo decisionale
– Adozione di nuove metriche per misurare il successo della trasformazione digitale
– Maggiore attenzione ai benefici a lungo termine della trasformazione digitale

Le insidie della trasformazione digitale

Secondo un report del Capgemini Digital Transformation Institute e del MIT Sloan School of Management, le trasformazioni digitali di molte imprese sono in ritardo o addirittura falliscono per diversi motivi, tra cui la mancanza di una chiara leadership, le disconnessioni tra l’IT e il business, le operazioni al di sotto degli standard.

Ma i colpevoli principali di una trasformazione digitale che fallisce sono, in genere, l’attenzione sul taglio dei costi come driver di business e lo scarso coinvolgimento del team. Quando si intraprende la via della Digital Transformation, inoltre, non dovrebbe esserci pressione nel mostrare velocemente i risultati. Questo, infatti, potrebbe creare aspettative sbagliate su ciò che veramente può essere fatto e su quando può essere fatto.

Digital Transformation checklist

Le migliori pratiche per il successo della Digital Transformation

Poiché la trasformazione digitale coinvolge e influenza l’intera organizzazione, è fondamentale comunque mostrare a tempo debito i guadagni ottenuti dallo sforzo richiesto durante tutto il processo. In caso contrario, si potrebbero mettere a repentaglio gli investimenti.

Sarebbe utile, dunque, considerare una serie di best practice, meglio esplicate all’interno del Corso Digital Transformer di Ninja Academy e che possiamo riassumere in questo modo:

1. Stabilire una metrica iniziale generale per determinare il successo prima di iniziare qualsiasi sforzo di trasformazione;
2. Stabilire metriche più dettagliate per progetti e iniziative specifiche;
3. Includere i risultati di business minimi come parte dei criteri, come la generazione di entrate e il time-to-market;
4. Altrettanto importante è che uno sforzo di trasformazione digitale dovrebbe essere guidato dal CEO e non dall’IT, poiché coinvolge tutti gli aspetti dell’organizzazione aziendale.

Ma il passo più importante verso uno sforzo di trasformazione digitale di successo è farsi questa domanda in anticipo: “Quali risultati di business stai cercando di ottenere, e come miglioreranno l’esperienza del cliente?”.

La trasformazione digitale consiste nel migliorare i processi aziendali e l’esperienza del cliente. Quindi inizia con i risultati di business desiderati, crea i nuovi modelli di business necessari per raggiungerli e poi rimodella i tuoi processi e la tua cultura per supportare questi modelli.

Ruoli e competenze per la Digital Transformation

Come abbiamo visto fin qui, le tecnologie emergenti e i processi rinnovati sono cruciali per mettere in atto la trasformazione digitale, ma anche avere le giuste competenze del personale è essenziale.

Ingegneri del software, specialisti di cloud computing e product manager digitali rimangono ruoli chiave per le aziende che cercano di lanciare nuovi prodotti e servizi, o di innovare quelli esistenti in ottica digital.

Anche i data scientist e gli architetti di dati sono molto richiesti, dato che le aziende cercano di ricavare intuizioni da vaste quantità di dati, e le trasformazioni si basano sempre di più sull’apprendimento automatico e sull’intelligenza artificiale.

UX designer, copywriter, digital strategist e manager della tecnologia completano le priorità dei talenti sul posto di lavoro.

Naturalmente, anche la leadership è importante. Molti CIO (Chief Information Officer) hanno aggiunto il titolo di Chief Digital Officer (CDO) per descrivere il loro ruolo, mentre alcuni sono semplicemente ribattezzati come CDO.

Digital Transformation

Digital Transformation in 7 step

Gli investimenti in iniziative di trasformazione digitale sono saliti alle stelle dopo la pandemia. Le organizzazioni hanno infatti fatto perno su modelli di business completamente nuovi per sostenere la flessibilità, l’efficienza e il controllo dei costi durante il periodo di crisi improvvisa. Servizi mission-critical di tutti i tipi oggi vengono digitalizzati, come le esperienze di shopping online, l’apprendimento a distanza, l’assistenza medica attraverso la telemedicina o l’ottimizzazione automatizzata della catena di approvvigionamento.

Mentre il 2020 non è stato facile per nessuna organizzazione, quelle che stanno prosperando oggi sono le imprese che sono state in grado di abbracciare una mentalità di trasformazione digitale.

Ma da dove iniziare per trasformare l’azienda in ottica digitale? Quali sono i passi critici necessari per cominciare questo viaggio? Ecco i 7 step da considerare quando si trasformano i servizi digitali.

1. Comprendere la strategia cloud della tua organizzazione

Identifica quali servizi critici si stanno spostando sul cloud. Comprendendo la strategia dell’organizzazione e quali iniziative sono in fase di digitalizzazione, il team può identificare quali stakeholder e quali parti dell’azienda sono pronti e aperti a implementare un approccio moderno e incentrato sul cliente alla gestione dei servizi.

2. Identificare i servizi critici principali

Analizza i principali servizi rivolti al cliente per ottenere indizi sui possibili punti critici e sui servizi colpiti. Ci sono servizi che la leadership segue costantemente? Identificare i punti critici e gli stakeholder indispensabili nello sviluppo, nella sicurezza e nel business è fondamentale.

3. Identificare i KPI per ciascun livello del vostro business

Una volta identificati i servizi principali che sono più importanti per l’azienda, stabilisci i KPI per misurare il successo e tracciare gli obiettivi. Inizia prima con obiettivi che stanno a cuore al team. Dalla crescita del database ai volumi di vendita, ogni metrica può essere presa in considerazione.

4. Stabilire KPI aziendali condivisi tra più team

Successivamente, collabora con gli stakeholder attraverso i dipartimenti per determinare obiettivi e traguardi che possono essere condivisi tra i team. Questi obiettivi condivisi dovrebbero allinearsi agli obiettivi aziendali, come le entrate generate o la soddisfazione del cliente.

Digital Transformation

5. Cattura l’architettura aziendale e i KPI in un servizio

Usando le informazioni degli stakeholder del passo precedente, documenta il business e i KPI tecnici che sono collegati a un singolo servizio. Cattura l’intera architettura del servizio aziendale e mappa i suoi componenti in metriche tecniche e di business associate (flusso di lavoro, infrastruttura etc.).

Infine, costruisci dashboard che visualizzino i KPI aziendali e tecnici e supportino le possibili analisi, andando oltre i classici modelli di reporting di base per includere definizioni di KPI specifici e mappare le metriche tecnologiche.

6. Stabilire intuizioni predittive per un servizio

Con la capacità di visualizzare e monitorare un servizio dall’inizio alla fine della filiera, imposta e addestra algoritmi per generare un’intelligenza predittiva. Si può iniziare con algoritmi avanzati su un unico servizio, da convalidare con un’analisi delle decisioni e delle performance, per poi addestrare algoritmi di machine learning su differenti KPI. Si può andare dai pagamenti mobili, ai servizi ai cittadini, all’elaborazione dei reclami, a seconda del settore.

7. Creare un centro di eccellenza per i dati

Espandi la strategia di monitoraggio a più team e sostieni i benefici della correlazione di più dati in un unico luogo: è l’ultimo passo di questo processo di Digital Transformation.

Man mano che più team adotteranno questa strategia olistica di monitoraggio, il buy-in diventerà più facile. Condizione per trasmettere il valore è che i team vedano i loro dati nel nuovo approccio proposto.

Quando sorgerà un problema, si potrà usare la propria intelligence per comunicare cosa è andato storto per ciascun sistema. Infine, è indispensabile abilitare l’automazione e l’orchestrazione attraverso i diversi processi per prevedere le interruzioni e ridurre i tempi di riparazione.

Rendere i flussi di lavoro più efficienti e i processi aziendali più automatizzati consentirà non solo di risparmiare sui costi, ma anche di impiegare meglio le risorse umane presenti in azienda.

Allineando i servizi digitali, i team e la tecnologia agli obiettivi di business, si può garantire con sicurezza che l’esperienza finale dell’utente abbia la priorità.

>> Scopri come migliorare l’esperienza del cliente grazie alla trasformazione digitale con il Corso Digital Transformer